Now Reading
Nuova Triumph Speed Triple 1200 Rs. Il ritorno di una Leggenda
pomodoro Terrazza Aperol, Milano 2

Nuova Triumph Speed Triple 1200 Rs. Il ritorno di una Leggenda

Al suo esordio nel 1993 la potente “nuda” della casa inglese Triumph Motorcycles aveva subito convinto i centauri. Bella, aggressiva, tricilindrica, si è guadagnata un suo posto nel panorama delle stradali, nell’anello che si poneva tra le carenate giapponesi e italiane e le bicilindriche americane.

Stiamo parlando della Speed Triple, la 28enne (presentata al Salone di Colonia del 1993), naked nata come rivale dell’altrettanto mitica Ducati Monster (uscita l’anno prima) e dalla linea più leggera rispetto alla poderosa e iconica Yamaha VMax, arrivata sul mercato europeo nel 1985.

Nuova in ogni dettaglio, la Speed Triple 1200 RS è stata progettata per offrire in ogni aspetto il massimo che ogni appassionato possa aspettarsi da una vera icona del motociclismo: ancora più veloce, ancora più raffinata, ancora più emozionante. Da sempre inconfondibile. La migliore Speed Triple di sempre, più esuberante, sportiva e performante di sempre. Nuovo il motore, un 3 cilindri da 1.160cc in grado di erogare 180 CV (30 in più ispetto alla precedente 1.050). Coppia massima 125 Nm: +8 Nm rispetto alla precedente 1.050. 650 giri motore in più, inerzia di rotazione ridotta del 12%. Sistema di aspirazione e scarico completamente riprogettato, dal sound coinvolgente, da vera roadster Triumph. Ciclistica agile, precisa, compatta e raffinata, peso di 198 kg, non una “piuma”, ma sono sempre 10 in meno della versione precedente. Il rapporto potenza/peso risulta del 25% migliore rispetto al dato del modello 1050, un dato impressionante e praticamente doppio rispetto alla prima generazione della Speed Triple, risalente al 1994. Nuovo telaio con maggiore centralizzazione delle masse e dal baricentro più basso e avanzato. Nuova ergonomia con posizione in sella dominante e votata al massimo controllo nella guida sportiva. Componentistica top di gamma, perfetta su strada, pronta per la pista. Il manubrio è più largo di 13mm, e consente una posizione più dominante e focalizzata sulla ruota anteriore. L’ergonomia complessiva risulta ulteriormente ottimizzata attraverso un riposizionamento delle pedane che migliorano il controllo della moto e non compromettono la luce a terra. Completamente ridisegnata anche la sella, che risulta confortevole (altezza da terra 830 mm) seppur primariamente focalizzata a supportare al meglio la guida sportiva. Impianto frenante Brembo ad alte prestazioni. All’anteriore, l’impianto contempla pinze Brembo Stylema® monoblocco e ad attacco radiale, con doppio disco da 320mm, mentre all’asse posteriore viene montata una pinza singola Brembo a doppio pistoncino. La leva Brembo MCS regolabile è disponibile per soddisfare le esigenze dei motociclisti più esigenti.

La nuova 1200 RS rivoluzione completamente la tecnologia della precedente Speed Triple, con l’introduzione di una nuova strumentazione da 5” TFT a colori, cambio elettronico Triumph Shift Assist up-and-down di serie, Optimised Cornering ABS, Optimised Cornering Traction Control (disattivabile e con piattaforma inerziale IMU), 5 riding modes (compreso Track Mode) nuovi fanalli full-LED, interfaccia completamente keyless e connettività My Triumph Connectivity System di serie.

Hardware, software e interfaccia utente sono del tutto nuovi, e consentono al pilota di gestire con facilità e in movimento un elevato numero di operazioni e di informazioni, come ad esempio modificare il setting del Traction Control. Il layout dello schermo TFT è disponibile con 2 differenti temi, diversificati per accenti cromatici, che ottimizzato la lettura dei dati in ogni condizione di luce evitando il problema dei fastidiosi riflessi.

Il nuovo Cornering ABS ottimizzato costituisce un ulteriore contenuto a tutela della sicurezza e del divertimento di guida a bordo della nuova Speed Triple 1200 RS. L’unità montata è la Continental MIB-EVO ABS, integrato con una piattaforma inerziale a 6 assi (IMU) e una centralina ABS dal funzionamento più raffinato, in grado di adattare la modalità di intervento dell’antibloccaggio modulandone l’intensità in funzione delle informazioni derivanti dalla velocità di rotolamento delle ruote, dall’angolo di inclinazione, dal beccheggio e dal rollio. Le modalità di guida disponibili sono Rain, Road, Sport, Track e Rider: grazie al comando del gas ride by wire la risposta del motore è modulata in maniera coerente, più o meno filtrata dall’elettronica. Le stesse informazioni interessano ABS e TC.

Cosa manca? Il prezzo direte voi. Per l’Italia della nuova Speed Triple 1200 RS è ha un listino di 17.600 euro (fc). Gli intervalli di manutenzione sono previsti ogni 16.000 km (10.000 miglia), la moto è coperta da 2 anni di garanzia senza alcun limite di chilometraggio. Le prime Speed Triple 1200 RS arriveranno nelle Concessionarie a partire dal mese di marzo 2021.

Fondata nel 1902, Triumph Motorcycles da oltre venti anni ha sede a Hinckley nel Leicestershire e ha prodotto modelli classici che si caratterizzano per il mix perfetto di design, carattere, stile e prestazioni.

Con una produzione di circa 65.000 moto all’anno, Triumph è il più grande costruttore motociclistico britannico e ha oltre 650 concessionarie nel mondo.

See Also
S.Bernardo è l’acqua ufficiale delle classiche del ciclismo

Triumph conta oggi circa 2.000 dipendenti nel mondo e possiede filiali nel Regno Unito, in Nord America, Francia, Germania, Spagna, Italia, Giappone, Svezia (Scandinavia), Benelux, Brasile, India e Thailandia, oltre a una rete di distributori indipendenti. Le strutture produttive di Triumph si trovano a Hinckley nel Leicestershire e in Thailandia, mentre le strutture di kit CKD si trovano in Brasile e India.

Triumph ha una gloriosa storia di gare e competizioni vincendo in quasi tutte le classi e le categorie. Dalla vittoria del secondo TT dell’Isola di Man nel 1908, fino alla dominazione di strade e piste degli anni ’60 in Europa come in America, fino a giungere ai successi odierni con la Triumph 675cc nel 2019 all’Isola di Man Supersports TT, nel 2014 il Daytona 200 e l’Isola di Man Supersports TT, i titoli British Supersports nel 2014 e nel 2015 e il World SuperSport racing. E ora con la nuova generazione del tre cilindri 765cc che anima il campionato Moto2™ dal 2019 la leggenda delle corse di Triumph continua.

La Triumph Bonneville vanta questo nome per celebrare il record di velocità sulla terraferma realizzato da Triumph nel 1956 sul Bonneville Salt Flats nello Utah (Stati Uniti). Si trattava dell’originale superbike britannica che fin dal suo debutto vinse numerose corse. Questa moto è stata voluta e scelta da famosi motociclisti del passato per la sua nota e riconosciuta maneggevolezza, per lo stile e per il carattere che la contraddistinguono. Caratteristiche che, abbinate alle moderne tecnologie di guida, rendono la nuova famiglia Bonneville la vera modern classic di oggi.

Le motociclette Triumph occupano un posto unico nella storia degli International Six Day Trials, essendo state utilizzate da pluripremiati team britannici, quanto da Steve McQueen nella sua partecipazione del 1964.

© 2019 Emporio delle Parole. Tutti i diritti riservati.

Scroll To Top